CATEGORIE
Minicentraline (1)
Resistenze elettriche (1)

ARCHIVIO
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
aprile 2011

Descrizione generale delle minicentraline

Attraverso le minicentraline è possibile gestire la pressione in ingresso e in uscita dal collettore e permettere un funzionamento nominale dell'apparecchio

Le minicentraline sono valvole capaci di modificare il flusso di liquidi comprimibili e non, permettendo un’adeguata gestione della pressione in uscita.
Sono dispositivi che hanno richiesto determinati sforzi da parte dell’azienda Gnali Bocia per essere progettati e brevettati.  Le minicentraline sono generalmente costituite da tre componenti fondamentali che ne determinano l’utilizzo per il quale vengono progettate: l’elemento di limitazione del flusso, l’elemento di carico del flusso e l’elemento di misura.
L’elemento di limitazione del flusso è costituito da una valvola che può essere a farfalla, a sfera (o chiamata anche a globo), a fungo o qualsiasi altro tipo di valvola che permetta la restrizione al flusso.
L’elemento di carico permette alle minicentraline di sfruttare quello di limitazione di flusso attraverso un pistone, una molla o un attuatore di qualsiasi tipo che mette in moto il meccanismo di chiusura e/o limitazione del flusso.
L’ultimo elemento di importanza primaria nella comprensione del funzionamento delle  minicentraline è quello di misura: il componente valuta la portata massica di flusso passante attraverso il condotto, utilizzando un bilancio di flussi di massa.
La regolazione della pressione può avvenire a stadio singolo oppure a due stadi: lo schema funzionale è il medesimo, solamente che la regolazione viene differenziata nel caso di uno o due stadi. L’utilizzo di due stadi permette di diminuire le sollecitazioni specifiche sul singolo stadio.

19/02/2014


Vedi anche
19/05/2014 Utilizzo delle Minicentraline prodotte da GNALI BOCIA srl Utilizzo nell'impiantistica domestica delle minicentraline multiattacco con riduttore a uno o a due stadi.

19/12/2017 Minicentraline con riduttori a uno o due stadi Minicentraline con riduttore a doppio stadio permettono di ridurre la pressione anche elevata in modo ottimale

19/03/2018 Minicentraline componenti fondamentali per un impianto compatto Utilizzo delle minicentraline consente di risparmiare spazio senza rinunciare alla sicurezza

19/09/2015 Il funzionamento del regolatore di pressione I dispositivi utilizzatori hanno bisogno della giusta alimentazione fornita dal regolatore di pressione

19/11/2013 La gestione della pressione nelle minicentraline Le minicentraline controllano la pressione tra monte e valle del componente, assicurandone un corretto funzionamento


I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicità e non rappresentano 'prodotto editoriale'.