CATEGORIE
Minicentraline (1)
Resistenze elettriche (1)

ARCHIVIO
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
aprile 2011

I regolatori di alta e bassa pressione nell'industria idraulica

La gestione delle condizioni di pressione all'interno di impianti idraulici è affidata a particolari componenti che ne mantengono il valore nominale entro definiti parametri

E’ da sempre considerato necessario lavorare in modo da conoscere esattamente i valori della pressione ai quali un generico componente meccanico viene sottoposto. E’ il caso dei regolatori di pressione, che si differenziano in alta e bassa pressione a seconda di differenti casi in esame. Anche se la progettazione di siffatti componenti è relativamente semplice, svolgono un’importanza primaria in tutti gli impianti dove la pressione dev’essere contenuta entro certi valori.
Il principio base del funzionamento prevede l’utilizzo di una molla con un opportuno modulo di Young, una fissata resistenza allo snervamento dal quale si evince un valore di tratto elastico di deformazione. Questa molla viene sottoposta a sollecitazioni variabili in funzione della pressione a monte: quando essa oltrepassa un valore soglia limite, all’interno del regolatore di pressione la molla si comprime permettendo la fuoriuscita di fluido e riportando le condizioni operative del regolatore e dell’impianto in generale in condizioni ottimali.
Al giorno d’oggi, per garantire un migliore controllo delle condizioni in uscita dall’impianto, all’azione meccanica della molla contenuta all’interno del regolatore, viene aggiunta un sistema elettronico che monitora e gestisce eventuali anomalie del sistema.
Il tutto viene poi adeguato secondo le specifiche normative Nazionali ed Internazionali che gestiscono la certificazione dei prodotti che devono sottostare a determinati requisiti.
 

30/04/2014


Vedi anche
30/10/2013 I regolatori di alta e bassa pressione progettati da Gnali Bocia Gli impianti che lavorano con fluidi comprimibili hanno esigenza di dover mantenere costante la pressione di lavoro e quindi utilizzano appositi regolatori di pressione

30/08/2013 Il riduttore di pressione negli impianti idraulici L'utenza ultima richiede che il flusso in arrivo sia in determinate condizioni e ciò è garantito dal riduttore di pressione

30/09/2015 Il funzionamento del regolatore di pressione I dispositivi utilizzatori hanno bisogno della giusta alimentazione fornita dal regolatore di pressione

30/09/2014 Il giusto modello di regolatore di pressione Un'ampia gamma di modelli per trovare il regolatore di pressione più adatto ad ogni impiego

30/02/2013 Il funzionamento delle valvole di sicurezza Tutti i dispositivi contengono un sistema di sicurezza costituito da valvole che hanno l'obiettivo di mantenere la pressione del fluido entro valori accettabili.


I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicità e non rappresentano 'prodotto editoriale'.