CATEGORIE
Minicentraline (1)
Resistenze elettriche (1)

ARCHIVIO
gennaio 2021
dicembre 2020
novembre 2020
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
aprile 2011

Le valvole di sicurezza progettate e prodotte secondo la direttiva PED

Impianti protetti da sovrappressioni attraverso l'utilizzo di valvole di sicurezza realizzate da GNALI BOCIA

La direttiva PED 2014/68/UE è una direttiva redatta ed emanata dal Parlamento dell’Unione Europea in merito alla progettazione, costruzione ed installazione di componenti e dispositivi di pressione per garantire la sicurezza degli impianti e delle persone a contatto.  Essa non rappresenta la prima normativa nel campo delle apparecchiature in pressione ma va a sostituire la precedente direttiva PED 98/23/CE del 1997 che è stata la prima a regolamentare il campo per tutti i paesi membri dell’Unione. Infatti, in precedenza, ogni stato presentava le proprie leggi e questa direttiva, recepita dagli stati tramite decreti legislativi (in Italia il decreto legislativo per la nuova direttiva è il n° 26/2016), ha avuto importanza in un’ottica di uguaglianza e semplicità, evitando casi ambigui che potevano portare a contenziosi legali o, ancora peggio, a pericolosi incidenti.


Cosa tratta la certificazione PED per le valvole?

Le valvole di sicurezza, come dice il nome stesso, sono dispositivi fondamentali all’interno di un impianto che permettono di intervenire qualora si presenti un’anomalia e bloccare il funzionamento in modo preventivo. Esse, però, non rappresentano l’unico tipo di componente presente all’interno della direttiva: vi sono infatti anche le tubature in pressione, i recipienti in pressione e altri tipi di valvole che si presentano in questi impianti.
Un concetto fondamentale che introduce questa direttiva è quello di Organismo Notificato che ha lo scopo di certificatore per tutte le aziende che si occupano di costruire le apparecchiature in pressione. Infatti, a seguito della certificazione da parte di questo ente, qualora si verificassero problemi o incidenti, la responsabilità ricadrebbe sul produttore.


Il concetto di “livello di pericolosità”

Le certificazioni PED per le valvole e per le altre apparecchiature in pressione stabiliscono un livello di pericolosità dell’apparecchiatura sulla base dell’energia immagazzinata nella stessa: ovvero, a seconda dell’energia immagazzinata (che viene stimata secondo vari fattori, come sarà esposto successivamente), è possibile procedere ad una classificazione del pericolo.

I fattori che vanno ad influire sulla stima dell’energia immagazzinata dall’apparecchiatura sono:
- Dimensione e volume del dispositivo in pressione, in termini di litri (volume) e mm (dimensioni);
- La pressione massima ammissibile dal dispositivo (bar);
- Temperatura minima e massima ammissibile sulla base delle specifiche di fabbricazione: in questo campo intervengono i materiali e le proprietà quali lo scorrimento viscoso;
- Tipologia di fluido veicolabile: ci sono varie categorie a seconda del tipo e della pericolosità del fluido sulla base della tossicità, incendiabilità e una serie di altre caratteristiche;
- Condizioni di esercizio (pressione, temperatura, ecc) e anche le modalità e le tipologie di installazione del dispositivo nell’impianto.
Sulla base di tutto ciò, tramite tabelle normate e fornite dalla certificazione PED, le valvole e tutti gli altri dispositivi possono essere catalogati e classificati in modo efficace con riferimento al pericolo intrinseco nel loro utilizzo.

 

22/10/2020


Vedi anche
22/05/2015 Rubinetti per gas omologati secondo la direttiva T-PED La direttiva T-PED regolamenta la produzione e l'immissione sul mercato dei rubinetti per gas per applicazioni mobili.

22/12/2020 Le valvole di intercettazione del combustibile: funzionamento e vantaggi Tutto ciò che c'è da sapere sulle valvole di intercettazione del combustibile: i documenti, la composizione e il funzionamento.

22/09/2016 Valvola di sicurezza per caldaia omologata secondo la direttiva PED Valvola di sicurezza per caldaia con ritegno incorporato ed omologata per la protazione degli impianti da sovrappressioni

22/01/2020 Non dimentichiamo la valvola di sfogo aria nei nostri impianti Valvola di sfogo aria abbinata alla valvola di ritegno automatica per una facile manutenzione

22/01/2021 L'importanza delle valvole di sfogo aria nei radiatori Tutto ciò che c'è da sapere sui radiatori e sulle valvole di sfogo d'aria


I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicità e non rappresentano 'prodotto editoriale'.