CATEGORIE
Minicentraline (1)
Resistenze elettriche (1)

ARCHIVIO
ottobre 2020
settembre 2020
agosto 2020
luglio 2020
giugno 2020
maggio 2020
aprile 2020
marzo 2020
febbraio 2020
gennaio 2020
dicembre 2019
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
aprile 2011

Utilizzo delle valvole di sfogo aria automatiche

Un aiuto all'efficienza energetica degli impianti di riscaldamento usando le valvole di sfogo aria automatiche.

Per migliorare l’efficienza e il funzionamento di radiatori e caloriferi, è necessario avere a disposizione delle valvole di sfogo aria.
Esse possono essere principalmente di due tipologie:
- Valvole di sfogo aria manuali: presenti sulla maggior parte dei caloriferi di lunga data, richiedono l’intervento umano tramite lo svitamento di una valvola.
- Valvole di sfogo aria automatiche: il componente è completamente automatizzato e non richiede l’intervento di un operatore esterno.
Il vero problema alla base di quelle manuali è la mancata efficienza dovuta a ritardi nell’apertura della valvola. Infatti, tale operazione viene svolta solamente quando l’impianto diventa rumoroso o non garantisce un flusso di calore corretto. Questo, però, rappresenta solamente il culmine di un periodo più o meno lungo di malfunzionamento e di resa energetica non ottimale.
Con le valvole di sfogo aria automatiche si ovvia a questo problema perché, non appena il dispositivo percepisce un malfunzionamento, opera in direzione contraria mirando a risolverlo quasi istantaneamente. Tale meccanismo permette un funzionamento ottimale sia dal punto di vista del rumore che dal punto di vista energetico.


Come funziona una valvola di sfogo aria automatica?

I componenti fondamentali per il funzionamento di una valvola di sfogo aria automatica sono essenzialmente due:
- Il galleggiante: è necessario per la lettura automatica del livello dell’acqua e, quando scende sotto un livello predefinito, muove l’otturatore garantendo la fuoriuscita dell’aria in eccesso;
- L’otturatore: è necessario per aprire e chiudere lo sfogo per l’aria. Successivamente la chiusura avviene in maniera automatica.
Bisogna prestare attenzione al fatto che, nonostante la valvola abbia un funzionamento automatico, gli impianti necessitano comunque dell’intervento umano per la manutenzione, il controllo e l’eventuale ricarica di fluido tramite l’apposito rubinetto.


Le valvole di sfogo aria automatiche di Gnali Bocia

Oltre ai due componenti essenziali citati precedentemente, esistono una serie di altre parti funzionali per garantire uno sfogo dell’aria efficiente e duraturo nel tempo.
- Bicchiere: realizzato in ottone CW617N, ottimo per la resistenza a corrosione e con buone proprietà meccaniche;
- Coperchio: realizzato in Hostaform, una tipologia di poliossimetilene (POM), ovvero un materiale che resiste bene sia a diverse temperature che ad attrito ed usura;
- Galleggiante e parti in movimento: realizzati in PP, un polimero semicristallino termoplastico molto diffuso che presenta notevoli proprietà di resistenza agli agenti chimici;
- Guarnizione di tenuta: realizzata in materiale elastomerico “anti-incollamento”;
- Molle: realizzate in acciaio inossidabile.

Inoltre, per aumentare la finitura, può risultare necessario un trattamento superficiale di nichelatura che garantisce ottime proprietà resistenziali ad ambienti aggressivi e a fluidi, come l’acqua veicolata nell’impianto. Le temperature massime garantite si aggirano intorno ai 100°C mentre le pressioni massime sono di 10 bar.

27/07/2020


Vedi anche
27/07/2017 Termosifone e valvola di sfogo aria accoppiata perfetta La valvola di sfogo aria automatica per termosifoni permette di eliminare l'aria senza l'intervento manual

27/11/2019 Valvole di sfogo aria anche sulle caldaie Valvole di sfogo aria per impianti, caldaie e caloriferi automatiche per evitare il continuo azionamento

27/09/2017 Valvola di sfogo aria automatica per la resa dell'impianto A monte della caldaia l'utilità della valvola di sfogo aria per evitare accumuli di gas disciolti

27/06/2017 Non serve l'intervento dell'operatore ma bastano le valvole di sfogo aria Usare le valvole di sfogo aria per eliminare gli accumuli di gas e aria negli impianti è importante per una resa ottimale degli stessi

27/01/2018 Valvola di sfogo aria comandata da un galleggiante Con sistema a galleggiante la valvola di sfogo aria elimina gli accumuli di gas negli impianti


I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicità e non rappresentano 'prodotto editoriale'.