CATEGORIE
Minicentraline (1)
Resistenze elettriche (1)

ARCHIVIO
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
aprile 2011

I collettori per riscaldamento con rubinetto di regolazione

La versione regolabile dei collettori per riscaldamento utile per un corretto bilanciamento degli impianti

I collettori per riscaldamento sono una scelta impiantistica di distribuzione del calore all’interno della rete domestica e dell’edilizia civile. Essi sono anche comunemente chiamati dispositivi a derivazione multipla, in quanto presentano un numero di derivazioni sul corpo centrale variabile da 2 a 4: in questo modo riescono a provvedere all’alimentazione dei termosifoni e di altre apparecchiature termiche. Il parametro fondamentale di scelta è la portata richiesta calibrata sul diametro del corpo di riferimento, ma assume importanza anche il tipo di impianto considerato. Nei moderni sistemi domestici vi è ormai una diffusa applicazione dei collettori per riscaldamento, che possiamo trovare nella versione con o senza rubinetto, entrambi presenti sul catalogo GNALI BOCIA.


Vantaggi e svantaggi dei collettori con valvola di regolazione

Per quanto riguarda gli impianti di riscaldamento, si preferisce utilizzare i collettori regolabili perché permettono una migliore parzializzazione del flusso e, quindi, un migliore bilanciamento dell’impianto stesso. Facendo riferimento, invece, agli impianti di gestione idrica e sanitaria, si possono utilizzare entrambi i tipi di collettori con alterni vantaggi e svantaggi:
- Collettori con valvola di regolazione: permettono la chiusura di ogni singola derivazione e favoriscono in questo modo le possibili operazioni di manutenzione.
- Collettori senza valvola di regolazione: per quanto non sia gestibile ogni singola derivazione, questo tipo di dispositivi permettono di avere minori perdite di carico e ottimali livelli di pressione dell’utilizzatore.


I materiali dei collettori con valvola di regolazione

La versione con valvola di regolazione dei collettori per riscaldamento viene realizzata a partire da un grezzo forgiato a caldo realizzato in ottone CW617N, una famiglia di ottoni al piombo facilmente lavorabile alle macchine utensili grazie alla presenza del piombo (2-3%) che accorcia il truciolo e facilita anche le operazioni di finitura. Inoltre, i collettori vengono nichelati prima di essere lavorati con moderne macchine a controllo numerico che garantiscono il rispetto dei requisiti di qualità e precisione. Anche il vitone di regolazione, componente necessario per la regolazione del flusso, viene realizzato in ottone con guarnizioni in EPDM.


I modelli disponibili a catalogo per Gnali Bocia

All’interno del catalogo di Gnali Bocia troviamo un’ampia possibilità di scelta sia per quanto riguarda i collettori con valvola di regolazione che per i collettori senza tale valvola. In particolare, per quanto riguarda la prima categoria, è possibile trovare collettori con interasse da 35 mm o 40 mm, con 2, 3 o 4 derivazioni. Per quanto riguarda gli attacchi di derivazione sono presenti sia quelli da ½”, anche in sede piana, sia da 24x19, ma, in ogni caso, devono rispettare la norma ISO 228 per gli attacchi filettati.
Il vitone di regolazione è presente in due modelli, a seconda che l’allaccio del collettore alla rete principale sia da ¾” o da 1”.
Inoltre, nel catalogo sono presenti differenti etichette colorate per segnalare i collettori e anche le manopole possono essere di colore blu, bianco, rosso, verde e nero.
Un ultimo dispositivo che può essere utile è il set per adattare al tubo multistrato: al suo interno sono presenti il portagomma, l’ogiva e il dado. Tale set può risultare funzionale per effettuare collegamenti che altrimenti potrebbero risultare di difficile realizzazione.

04/11/2019


Vedi anche
04/11/2018 Collettori per riscaldamento a derivazione multipla Combinare assieme i collettori per riscaldamento per ottenere il giusto numero di derivazioni

04/05/2018 Collettori in ottone senza rubinetto di regolazione I collettori in ottone senza vitone permettono di ridurre le perdite di carico dell'impianto.

04/12/2017 usare i collettori per riscaldamento per una distribuzione migliore Con i collettori per riscaldamento si ha una migliore distribuzione e bilanciamento del calore nell'impianto

04/07/2017 Collettori per impianti sanitari con vitone di regolazione Collettori per impianti sanitari sono costruiti in modo da avere ampi canali di passaggio del fluido per ridurre le perdite di carico.

04/09/2016 Collettori per impianti sanitari: quale modello scelgo? Collettori per impianti sanitari realizzati partendo da un grezzo di ottone forgiato per dare omogeneità al materiale


I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicità e non rappresentano 'prodotto editoriale'.