CATEGORIE
Minicentraline (1)
Resistenze elettriche (1)

ARCHIVIO
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
aprile 2011

Resistenze elettriche tubolari e la corrosione del rame

Con acque dure o clorurate possiamo proteggere le resistenze elettriche tubolari con un anodo in magnesio

L’azienda Gnali Bocia srl produce resistenze elettriche tubolari che possono essere utilizzate in scaldabagni e bollitori sia aperti che pressurizzati.
La gamma disponibile a catalogo copre un ampio ventaglio di esigenze con potenze di riscaldamento che anno dai 1000 ai 3000 watt, normalmente funzionanti con alimentazione monofase a 220 Volt. Esiste però anche la possibilità di avere resistenze elettriche tubolari che possano funzionare anche con tensioni di 110 e 240 volt, che sono standard diversi da quello italiano.
Per il collegamento dell’alimentazione sono previsti attacchi Faston Standard femmina, per garantire l’universalità e come optional possiamo prevedere sulle resistenze elettriche tubolari anche la presenza del collegamento per la protezione anodica in magnesio.
Si utilizza questo accorgimento in ambienti particolarmente corrosivi e usuranti per questi dispositivi. Ricordiamo sempre che la produzione avviene utilizzando i migliori materiali , ma nonostante questo per allungarne la vita a volte è necessario utilizzare questo metodo per la protezione delle resistenze elettriche tubolari.
La temperatura raggiunta dal fluido durante il riscaldamento è alta, specialmente con acque contenenti elevate quantità di minerali e quindi di durezza elevata, oppure su dispositivi che trattano acqua con grandi quantità di cloro. In questi casi si sposta la corrosione inserendo un anodo sacrificale che si corrode al poste del rame.
Nei casi poi più complicati possiamo anche utilizzare resistenze elettriche tubolari realizzate in acciaio inox.
 

11/06/2014


Vedi anche
11/11/2017 Resistenze elettriche tubolari in rame puro Per la costruzione delle resistenze elettriche tubolari si utilizzano rame puro e ottone di prima qualità italiano.

11/03/2016 Limitare la corrosione nelle resistenze elettriche tubolari Le resistenze elettriche tubolari aumentano la loro vita se si controlla la durezza dell'acqua dell'impianto.

11/06/2015 Consigli per un buon utilizzo delle resistenze elettriche tubolari Corrosione e rumorosità delle resistenze elettriche tubolari si possono ridurre con pochi accorgimenti

11/12/2014 Le resistenze elettriche per il riscaldamento dell'acqua Le resistenze elettriche per riscaldamento utilizzate in scaldabagni e bollitori in pressione o aperti

11/08/2017 Resistenze elettriche per riscaldamento come ricambio universale Resistenze elettriche per riscaldamento di fluidi realizzate per essere ricambi affidabili


I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicità e non rappresentano 'prodotto editoriale'.