CATEGORIE
Minicentraline (1)
Resistenze elettriche (1)

ARCHIVIO
novembre 2019
ottobre 2019
settembre 2019
agosto 2019
luglio 2019
giugno 2019
maggio 2019
aprile 2019
marzo 2019
febbraio 2019
gennaio 2019
dicembre 2018
novembre 2018
ottobre 2018
settembre 2018
agosto 2018
luglio 2018
giugno 2018
maggio 2018
aprile 2018
marzo 2018
febbraio 2018
gennaio 2018
dicembre 2017
novembre 2017
ottobre 2017
settembre 2017
agosto 2017
luglio 2017
giugno 2017
maggio 2017
aprile 2017
marzo 2017
febbraio 2017
gennaio 2017
dicembre 2016
novembre 2016
ottobre 2016
settembre 2016
agosto 2016
luglio 2016
giugno 2016
maggio 2016
aprile 2016
marzo 2016
febbraio 2016
gennaio 2016
dicembre 2015
novembre 2015
ottobre 2015
settembre 2015
agosto 2015
luglio 2015
giugno 2015
maggio 2015
aprile 2015
marzo 2015
febbraio 2015
gennaio 2015
dicembre 2014
novembre 2014
ottobre 2014
settembre 2014
agosto 2014
luglio 2014
giugno 2014
maggio 2014
aprile 2014
marzo 2014
febbraio 2014
gennaio 2014
dicembre 2013
novembre 2013
ottobre 2013
settembre 2013
agosto 2013
luglio 2013
giugno 2013
maggio 2013
aprile 2013
marzo 2013
febbraio 2013
gennaio 2013
aprile 2011

I collettori: scelta e vantaggi

Perché usare un collettore?

La scelta di un collettore all’interno di un impianto permette, in generale, di ottenere una serie di vantaggi importanti:
- Possibilità di realizzare impianti a zone: permette la distinzione in più impianti indipendenti tra loro. Per quanto riguarda i collettori per il riscaldamento questo risulta essere importante in quanto si rende possibile il mantenimento della temperatura voluta e la misurazione del calore consumato.
- Facilità di applicazione: gli attacchi sono di tipo meccanico e, quindi, non richiedono l’intervento di personale specializzato per creare la congiunzione.
- Si evita l’utilizzo di giunture: diminuendo il rischio di perdite ed evitando la formazione di macchie di umidità e il verificarsi di rotture.
- Maggior facilità nelle riparazioni: si possono isolare le singole parti danneggiate ed intervenire direttamente su queste.
Si possono distinguere due categorie principali: i collettori per il riscaldamento e i collettori per l’acqua e l’impianto sanitario.


Confronto tra impianti a collettore e impianti a derivazione

I vantaggi espressi a riguardo degli impianti a collettori li rendono sicuramente ottimi nelle applicazioni, anche se talvolta vi è ancora la presenza di impianti a derivazione. I collettori sono anche detti dispositivi a derivazione multipla perché presentano sul corpo principale da 2 a 4 derivazioni regolate da rubinetti che permettono una migliore gestione dell’impianto. Solitamente sono riposti in uno scomparto ricavato all’interno di una parete e protetti da una scatola metallica che funge da alloggiamento. Il principale problema può essere la mancanza di spazio, soprattutto in abitazioni non moderne, in cui poter installare il collettore. In questi casi si utilizza un impianto di derivazione che è sicuramente meno ingombrante dal punto di vista dello spazio, ma presenta il limite tecnico che, in caso di guasto, rende difficile l’individuazione del punto da riparare senza rompere murature. Inoltre, nel caso siano aperte contemporaneamente due utenze, il flusso potrebbe diminuire creando degli sconvenienti.


L’utilizzo dei collettori per il riscaldamento

I collettori per il riscaldamento sono componenti di base per la distribuzione dei fluidi termici all’interno di abitazioni, in quanto possono alimentare sia i termosifoni che gli impianti di riscaldamento a pavimento. Essi permettono la parzializzazione del fluido termico e il bilanciamento in fase di avviamento.
L’utilizzo dei collettori per gli impianti di riscaldamento offre una serie di vantaggi, oltre ai già citati, non trascurabile:
Uno dei principali limiti è dato dall’esigenza di dover realizzare circuiti indipendenti per ogni terminale e per questo sono solitamente adottate soluzioni ad anello nel caso di ristrutturazioni in cui non è prevista la ricostruzione della pavimentazione. Un altro limite è dato dal maggior impiego richiesto per l’assistenza muraria, necessario per proteggere i tubi da varie problematiche di degradazione.


L’utilizzo dei collettori per l’acqua e per l’impianto sanitario

I collettori per l’acqua e per l’impianto sanitario sono un componente fondamentale per gestire l’approvvigionamento di acqua all’interno delle abitazioni garantendo l’allacciamento alla rete idrica. Anche per questo tipo di collettori esiste un modello caratterizzato dalla presenza di una valvola di chiusura per ogni uscita. Questo tipo di collettori risulta particolarmente utile in caso di guasto, in quanto si limita il disagio provocato alla singola utenza, senza bloccare la fornitura di acqua all’intera abitazione. Esiste anche il collettore lineare, che non ha questo vantaggio, ma presenta un grado di compattezza maggiore. Un aspetto importante per parlare di compattezza è l’interasse tra due elementi filettati di questi componenti: esiste la versione da 35 mm, che è sicuramente più compatta ma presenta maggiori difficoltà di montaggio, e la versione da 40 mm, che è meno compatta ma più facile da montare. La scelta tra le varie tipologie deve essere effettuata sulla base di considerazioni specifiche relative all’impianto di cui ci si occupa.

I collettori costituiscono dei componenti fondamentali per gli impianti idrici, in quanto presentano vantaggi significativi:
- Sono sistemi particolarmente efficienti: ridotte perdite di carico.
- La manutenzione risulta più facile: non necessitano di giunture sotto la pavimentazione e c’è la possibilità di chiudere singolarmente le varie utenze sia in caso di guasto che in caso di manutenzione ordinaria.
- I punti di connessione sono in zone facilmente accessibili: in questo modo si riescono a realizzare in modo pratico e veloce le operazioni di allacciamento alla rete idrica.
- Ogni utenza ha un tubo di distribuzione: si eliminano diramazioni e collegamenti aggiuntivi che possono essere sia un problema per la manutenibilità che per le perdite provocate.
Uno dei problemi principali è legato al costo di questo impianto, che risulta sensibilmente più elevato, dovuto ad una maggiore quantità di materiale richiesta e una tempistica di posa in opera leggermente superiore. Nonostante questo, diminuendo, come detto, i costi di manutenzione, il bilancio può risultare favorevole nei confronti di questo tipo di installazione.

22/04/2019


Vedi anche
22/12/2017 usare i collettori per riscaldamento per una distribuzione migliore Con i collettori per riscaldamento si ha una migliore distribuzione e bilanciamento del calore nell'impianto

22/01/2015 Alcuni pregi dei collettori in ottone Perché utilizzare i collettori in ottone negli impianti di riscaldamento e che vantaggi portano.

22/11/2019 I collettori per riscaldamento con rubinetto di regolazione La versione regolabile dei collettori per riscaldamento utile per un corretto bilanciamento degli impianti

22/11/2018 Collettori per riscaldamento a derivazione multipla Combinare assieme i collettori per riscaldamento per ottenere il giusto numero di derivazioni

22/11/2017 Collettori in ottone sono vantaggiosi per tanti motivi Molti vantaggi derivano dall'utilizzo dei collettori in ottone per riscaldamento nell'impiantistica moderna


I contenuti di questo sito non hanno carattere di periodicità e non rappresentano 'prodotto editoriale'.